COR DE LA BRYERE

 
 
  Potremmo definirlo il padre dei cavalli holsteiner,per quanto è stata importante la sua influenza sulla razza.
Figlio di Rantzau e Quenotte


Stallone Anglo Normanno dal mantello baio scuro e dal carattere allegro.
Messo in razza nell'holstein non suscitò una buona impressione a causa della sua struttura un pò esile.
Si scrive di lui nel sito dell'holsteiner verband:
Oggi il sangue di questo fantastico stallone scorre nelle vene di quasi il 70% di tutti i cavalli Holsteiner.
Il suo nome e conosciuto in tutto il mondo e gli allevatori che una volta non lo apprezzavano oggi lo chiamano affettuosamente "Corde".
Nel 1971 Corde dominò la classifica alla prova di selezione degli stalloni dove dimostrò tutta la sua classe di cavallo da sport.
Il suo gesto sul salto, la sua agilità, il suo coraggio e la sua eccezionale tecnica di gambe fecero impazzire tutti i presenti che gli tributarono i massimi punteggi.
Da quel momento iniziò la sua attività stalloniera presso il prestigioso centro di fecondazione di Siethwende presso Bruno Grigiat, con il quale fece coppia fissa per più di 14 anni. Nel 1974 i suoi primi figli furono presentati alla Koerung, e poco dopo si misero in evidenza per la loro qualità sul salto, facendo capire chiaramente al mondo allevatoriale che il cavallo Holsteiner stava prendendo una nuova dimenzione.
I suoi figli dimostrarono di aver ereditato la sua qualità fuori dal normale: tecnica di gambe, gesto rotondo, un incredibile colpo di schiena abbinato alla potenza tipica del cavallo Holsteiner.
Da quel momento il seme di Corde fu impiegato per degli accomppiamenti molto speciali denominati Passerpaarungen veramente unici per la storia dell'allevamento. La cavalla Tabelle da Heissporn, ha prodotto così cinque soggetti Gekoert cioè approvati stalloni, tra cui i famosissimi Calypso I, suo fratello Calypso II e Calypso III hanno influenzato notevolmente l'allevamento Holsteiner.
La cavalla Furgund da Colombo e Herwin è stata accoppiata 18 volte con Corde dando ben 5 figli Gekoert tra cui Calando I che ha vinto il titolo di Campione di Germania sotto la sella del cavaliere Karsten Huck nel 1984 ed ora viene impiegato con molto successo nell'allevamento.
La cavalla Deka accoppiata con Cor de la Bryère ha dato Caletto I, Caletto II e Caletto III.
Cor De La Bryère è morto la notte del 26 Aprile 2000.
Grazie a lui molti allevatori risollevarono le loro sorti producendo cavalli migliori, più moderni ed atletici e quindi rispondenti alle esigenze del mercato. La sua grandezza si è tramandato tramite i suoi figli in tutto il Mondo.
Il suo sguardo fiero, la sua eterna freschezza ci avevano fatto credere che poteva vivere in eterno.
Fino a ieri il grande "Corde" ha condotto una vita normale nel suo paddok preferito nella fattoria del sig.Petersen dove era considerato un membro della famiglia.
Chiunque lo ha conosciuto, ed in italia non sono molti, lo ricorderà come un cavallo molto speciale in tutto quello che faceva.
Attualmente il miglior figlio di Cor de la Bryère è senza dubbio il grigio Corrado che sotto la sella del Campione Mondiale in carica Franke Sloothaak ha vinto i Gran Premi di Coppa del Mondo di Aarhus ('96), Dortmund ('94 e '95), la Coppa delle Nazioni di Oberanven ('94), e conquistato un terzo posto nella Coppa delle Nazioni di Aachen('94) ed un quinto posto nelle finale di Coppa del Mondo di Ginevra('96), senza contare i numerosissimi piazzamenti in Gran Premi Internazionali.
Attualmente Corrado è stato ritirato dalle gare e svolge la sua attività di riproduttore presso la sede della Holsteiner Verband di Elmshorn, ed il suo box è meta di "pellegrinaggi" di appassionati provenienti da tutto il Mondo.
I suoi figli sono l'orgoglio dell'allevamento Holsteiner, e tra loro spiccano: Calmaro,Corofino, Cosmos Star, Indorado, Coriana, Cher, Constanz Boy e Floristan, Cosima, Corrada, Cabrio.
Ma le qualità di Cor de la Brière non si fermano qui: nella sua carriera ha prodotto anche ottimi soggetti per il Dressage tra cui l'indimenticabile Corlandus, che sotto la sella dell'amazzone francese Margit Otto Crepin ha vinto moltissimo tra cui il Campionato d'Europa dell'87, la medaglia d'Argento alle Olimpiadi di Seoul nell'88, e la Coppa del Mondo nell'89.


http://www.allevarecavalli.com/pedigree.php?horseid=6&maxniveau=5